AMNESTY INTERNATIONAL

“Amnesty International è un’organizzazione non governativa indipendente, una comunità globale di difensori dei diritti umani, fondata nel 1961 dall’avvocato inglese Peter Benenson, che lanciò una campagna per l’amnistia dei prigionieri di coscienza. Conta attualmente quasi due milioni di soci, sostenitori e donatori in più di 140 paesi. La Sezione Italiana di Amnesty, costituitasi nel 1975, conta oltre 80.000 soci.
La visione di Amnesty International è quella di un mondo dove i diritti sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani e dagli altri documenti sulla protezione internazionale siano riconosciuti, garantiti e tutelati. Amnesty svolge ricerche e azioni per prevenire e far cessare gravi abusi dei diritti all’integrità fisica e mentale, alla libertà di coscienza e di espressione e alla libertà dalla discriminazione.”
La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani risale al 10 dicembre 1948 e fu proclamata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite come “ideale comune da raggiungersi da tutti i popoli e da tutte le Nazioni.”
In quell’occasione, per la prima volta nella storia dell’umanità era stato sottoscritto un accordo che riguardava tutti gli uomini della terra e sono stati sanciti dei diritti che tutti gli uomini, indistintamente, possiedono e che nessuno può impunemente violare.
Però la Dichiarazione è stata disattesa anche perché non adeguatamente conosciuta, nonostante l’Assemblea dell’ONU avesse raccomandato di diffonderla con ogni mezzo ed in tutte le lingue conosciute; non solo perciò nelle lingue ufficiali dell’ONU.
Pertanto, l’arrivo nel 1961 di un’Organizzazione che si impegna per l’applicazione e la diffusione dei diritti sanciti dalla Dichiarazione del 1948, è stato un avvenimento di ampia rilevanza storica.
Amnesty, nel 1977, è stata insignita del Premio Nobel per la pace e nel 1978 ha ricevuto il Premio delle Nazioni Unite per i diritti umani.
Essa interviene in tutti i casi di violazione dei diritti umani, perpetrati in ogni angolo del mondo.

7945841-mente-la-mappa-dei-diritti-umani-con-parole-concetto-giuridico1
Il suo intervento consiste nel denunciare pubblicamente le violazioni e nel porre in atto ogni mezzo legale per impedire il protrarsi di tali violazioni.
A questo scopo essa effettua delle campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, dei Governi, degli Enti, delle scuole e di tutte le parti interessate, adoperando i moderni mezzi di comunicazione, quali i multimedia, pubblicazioni, mostre fotografiche.
Oltre alle “campagne”, Amnesty impiega altre tecniche quali appelli mondiali, azioni urgenti, reti di azione regionale, rapporti con le istituzioni, educazione ai diritti umani.
Per rimanere indipendente ed imparziale, l’Organizzazione non accetta soldi dai governi e vive grazie al contributo privato, alle iscrizioni, al 5 x mille, al face to face, allo shopping, alle sponsorizzazioni, al volontariato ed alle adesioni a diversi programmi di finanziamento.
Fra le campagne attualmente poste in essere da Amnesty, si registrano quelle contro la violenza sulle donne, contro la pena di morte e la tortura, per il controllo delle armi ed a favore degli “invisibili”.
Amnesty produce numerose pubblicazioni, agende, calendari, un notiziario ed il Rapporto Annuale.
Uno degli importanti compiti di Amnesty è rappresentato dall’educazione, per cui essa svolge una particolare attività nell’ambito scolastico.
Nelle scuole primarie e secondarie tale attività è rivolta agli insegnanti che volessero approfondire le tematiche relative ai diritti umani. Presso alcune scuole secondarie di 1° grado viene attuato il progetto Amnesty Kids, secondo cui ogni classe che aderisce all’iniziativa viene associata alla Sezione Italiana di Amnesty e potrà collaborare con essa, dietro versamento di una quota annua di 35 €. Inoltre, presso alcune scuole secondarie di 2° grado di Roma, viene attuato il progetto Rome for Woman, secondo cui gruppi di studenti si adoperano con proposte e progetti originali per la difesa e la promozione dei diritti della donne nel mondo.Nelle Università effettua dei seminari nell’ambito di corsi di laurea, master e dottorati di ricerca.
Si propone inoltre di collaborare e contribuire alla formazione professionale di operatori economici, docenti ed operatori umanitari quali ad esempio operatori dell’informazione, forze di sicurezza, operatori carcerari, funzionari pubblici, avvalendosi del materiale dei centri di documentazione, delle pubblicazioni EDU, di mostre fotografiche e dei multimedia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...